Lo Spazio di Meteora

A te rivolgo, Astro della Vita, il mio rammarico per non esserti Luna.
Muoio al pensiero di non giacere, pari e ignaro ciottolo
alla stregua di semplice meteorite scaraventato sulla Terra
.
 
IndicePortaleGalleriaFAQCercaRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» La vita
Lun 11 Apr 2011, 4:44 pm Da Antonio Colandrea

» Aspettami
Dom 20 Mar 2011, 10:45 pm Da Cassiopea

» Davanti a un obiettivo
Dom 23 Gen 2011, 1:29 am Da meteora

» Preghiera
Dom 23 Gen 2011, 1:10 am Da meteora

» Per Monicelli
Mar 18 Gen 2011, 6:27 pm Da Cassiopea

» Ghiaccio
Ven 17 Dic 2010, 3:11 pm Da meteora

» Un incontro casuale
Ven 17 Dic 2010, 2:22 pm Da forzadieci

» LA ROSA SCARLATTA
Mer 15 Dic 2010, 12:27 pm Da meteora

» Poesia
Mer 15 Dic 2010, 11:53 am Da soffio

Licenza Creative Commons
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Partner

Condividi | 
 

 Vivì - tratto dalla pag.89

Andare in basso 
AutoreMessaggio
meteora
utente
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 431
Età : 66
Località : goa
Umore : felice
Data d'iscrizione : 12.05.09

MessaggioTitolo: Vivì - tratto dalla pag.89   Gio 11 Nov 2010, 2:22 pm

Vivì - tratto dalla pag.89


Del: sabato 27/02/2010 alle 17.04
Di: meteora
In: Narrativa Romanzo

“Ti amo tanto Ni”, “Vivì anch’io”. Ci stringemmo ancora ai rintocchi della mezzanotte e ci divise il sonno.
Mi risvegliai da quel riposo con tanta notte ancora avanti e osservai quel fiore; sarà stato quel grande letto, quei tre cuscini attorno, ma quella primavera, già fuori dalle lenzuola, senza una nube era serena. A braccia aperte, le gambe ben distese, quel suo minuscolo slippino sempre variopinto, ora di colore come la stanza e i suoi capelli in gran disordine per il vento del suo sorriso che non veniva meno. Non la baciai per non svegliar quel sogno che aveva dentro ed io son certo mi aveva lì con sé. La sua tranquillità nelle sue membra diceva del drago la sua fine ed io deposi le armi e con un dito spensi la luce.
Fu lei a dar la sveglia quel martedì, appena sveglia mi osservò qualche minuto, avevo la serenità lei me lo disse, dell’uragano ormai cessato. Poi cominciò a toccarmi dolcemente lì, dove mi dolsero le ernie, più su, appoggiava le sue labbra e con dei baci aspettava il mio risveglio con gli occhietti suoi attenti a quelli miei. “Buongiorno”, dissi. “Amore”, mi rispose e aggiunse “Fai finta di dormire ti bacerò per ore”, poi avvicinandosi al mio viso.


.
Torna in alto Andare in basso
http://lospaziodimeteora.forumattivo.com
 
Vivì - tratto dalla pag.89
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Arte, bellezza e crazione: riflessioni a partire dalla storia di un'idea
» Un messaggio dalla luna
» Lucio Dalla
» Si muore come si è vissuti,Ciao Lucio Dalla.
» Ansia, Ansia di Tratto e Ansia di Stato: alla ricerca dei suoi perchè

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Lo Spazio di Meteora :: NARRATIVA E RACCONTI BREVI :: Narrativa e Racconti-
Vai verso: